Virtus Volla-Portici 2-2: le parole di mister Borrelli

È tornato nella sua Volla e con il suo Portici avrebbe voluto confezionare un bel blitz. La squadra c’era quasi riuscita, si era in vantaggio e si stava amministrando la gara senza correre pericoli quando il pari avversario ha rimescolato le carte in tavola. Quello è stato un po’ lo spartiacque della partita perché il match non ha subito più grossi scossoni. Gli azzurri erano andati in gol due volte ma avrebbero potuto farlo in tante altre occasioni e, in questi casi, la beffa è dietro l’angolo. Si era andati al “Borsellino” per i tre punti e tornarsene con uno lascia un po’ di amaro in bocca, ma mister Borrelli vuole guardare il bicchiere mezzo pieno: “Chiaro che volevamo vincere ma mi rincuora molto la prestazione, la squadra ha creato almeno quindici palle gol e questo è un segnale molto positivo che mi fa ben sperare per le prossime partite. Il risultato non ci dà ragione ma noi abbiamo fatto quello che dovevamo e le nostre azioni erano tutte sviluppate attraverso il gioco. Anche sul gol di Basso, maturato da un calcio piazzato, tutti i movimenti degli uomini in area sono il frutto di ciò che proviamo in settimana. Ecco perché dico che, nonostante il pari, ci sono tante note positive. C’è anche tanto da migliorare, come la fase di non possesso e sul cinismo sotto porta, sappiamo, quindi, quali sono gli aspetti da correggere e faremo dei lavori mirati. Nella mia mente, scorrono ancora le immagini della partita e ho impressi anche i minuti delle tantissime occasioni in cui è mancato solo il gol e, nel calcio, quando è solo il gol a mancare si può essere ottimisti”. Squadra compatta ma un po’ sciupona, per il tecnico azzurro il rammarico è più per il risultato che per l’interpretazione di gara: “Non me la sento di muovere appunti ai ragazzi, non dimentichiamo che non era neanche facile esordire su un campo difficile come Volla. Il calcio è fatto di episodi che possono anche condannarti quando meriteresti di raccogliere altro. Come squadra siamo scesi in campo con lo spirito giusto, dobbiamo solo cercare di finalizzare la mole di azioni che produciamo. Quando parlo di episodi mi riferisco anche al rigore sbagliato da Rima, in questi casi, inconsciamente finisci per essere condizionato. Lo dico sempre sulla base della mia esperienza da calciatore, ad un difensore, quale ero io, dopo un errore marchiano non si riusciva ad avere la mente sgombra da pensieri. Lo stesso è capitato a Rima che, però, ha contribuito in modo notevole alla produzione offensiva offrendo almeno quattro palloni deliziosi a Scielzo. Del resto, uno come lui, anche dopo aver sbagliato un rigore, risulta sempre importantissimo avendo l’esperienza per prendere in mano la squadra. Sapevamo, comunque, che ci avrebbe atteso una battaglia a Volla e così è stato, abbiamo provato a violarne il campo, ci siamo andati vicini e ci saremmo riusciti con quel quid in più che ci è mancato ma che potremmo avere già dalla prossima gara”. In campionato si ospiterà l’Isola di Procida, dove la gente potrà avere la possibilità di seguire la squadra dalle tribune, ma mercoledì c’è un impegno che mister Borrelli non vuole affatto mettere in secondo piano: “Prima della seconda di campionato, c’è una gara di coppa Italia contro la Rinascita Sangiovannese in cui dobbiamo esprimerci ai massimi livelli. Ci teniamo ad andare avanti in questa competizione, quindi, la nostra intenzione è quella di qualificarci. Poi si penserà a preparare nel migliore dei modi la partita di campionato contro l’Isola di Procida”.

Ufficio Stampa A.S.D. Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *