L’assessore allo Sport, Valentina Maisto: “Impegno serio per lo stadio”. Sul derby: “Un pari che ci soddisfa”

Il Portici non è di una parte politica rispetto ad un’altra e, al derby contro l’Herculaneum, c’erano tantissimi rappresentanti delle istituzioni locali, dal sindaco, agli assessori fino a tanti consiglieri comunali sia di maggioranza che di opposizione. Tutti stretti intorno al Portici 1906, un club antico e prestigioso, che resiste allo scorrere del tempo senza perdere autorevolezza. Nella Tribuna riservata ai porticesi c’era anche Valentina Maisto, assessore alle Politiche Giovanili e allo Sport del Comune di Portici, a cui, a fine partita, abbiamo chiesto di raccontarci come ha vissuto un simile evento per la città: “Una bellissima emozione, poi c’è stata tanta soddisfazione nel vedere tanta gente accorrere in massa allo stadio e per la nostra amministrazione che ha mantenuto l’impegno sulla riapertura dello stadio in un’occasione così sentita ed importante. Inoltre, c’è stata la dimostrazione di come lo sport possa essere un motore di socialità e collettività, sono temi che toccano la nostra sensibilità e che attraverso lo sport trovano il loro fulcro. Si è respirato un entusiasmo fuori dal comune e poi, data la classifica, possiamo essere soddisfatti anche del risultato che ci ha visto tenere testa alla capolista del girone”. Contenta anche del risultato la Maisto, che ha parlato anche di come sia stato importante disputare il derby in città. Il Portici gioca le gara casalinghe a Torre del Greco ma, per un’occasione così sentita che ha mobilitato piazze e strade, è stata fatta una corsa contro il tempo per aprire l’impianto di via Farina: “Ci tenevamo a giocare nel nostro stadio perché questi sono gli eventi che creano un legame di appartenenza alla città e viverli nei luoghi del territorio, permettono di maturare anche un senso di identità. Sicuramente, come amministrazione, continueremo a portare avanti il nostro impegno per migliorare la situazione dell’impianto”. Sport come fattore di socialità, vivere la città per creare un senso di appartenenza: questi sono i punti su cui l’assessore ha posto particolare attenzione e, infine, le abbiamo chiesto anche una battuta sulla squadra del Portici: “Sicuramente una menzione d’onore la merita il portiere, decisivo in occasione del rigore, complimenti a tutta la squadra per la prestazione offerta, per l’intensità e la reazione, ma grande il portiere che si è preso la scena e gli applausi di tutto lo stadio”. Il “San Ciro” ha presentato una cornice di pubblico da brividi, di categoria superiore, la speranza è che possa ritornare ad essere a tutti gli effetti la dimora del Portici. Questo pubblico lo merita.

Ufficio Stampa A.S.D. Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *