IL NOSTRO CALENDARIO – Il Portici al Largo Croce

Qui, al Largo Croce, dove sorgeva la prima parrocchia porticese e che, nel 1631 fu distrutta dall’eruzione del Vesuvio. I fedeli di Portici decisero, poi, di edificare un’altra parrocchia dove ora si staglia il Santuario di San Ciro, Santo Patrono della città, ma che inizialmente fu dedicata a Santa Maria della Natività. Largo Croce è un posto che ha una storia immensa, la croce di ferro è stata posta sopra al marmo proprio per ricordare che quello era stato il primo luogo di culto, nel cuore della città, nel suo centro storico. Largo Croce è uno dei punti più rappresentativi, perché oltre a custodire secoli e secoli di storia, ora è il cuore dell’area mercatale, il posto frequentato quotidianamente da migliaia e migliaia di cittadini. Odore di pesce fresco, ceste di frutta, aroma di caffè, si può trovare di tutto e di più, lì dove l’anima popolare della città trova la sua migliore espressione. Quando si visita una città, il centro storico deve essere una tappa obbligatoria, perché lì si entra in contatto con le viscere del popolo, le sue radici, le sue tradizioni, le sue leggende. “O’ mercat…”, i veri porticesi non possono farne a meno, perché respirarne l’aria è una boccata di ossigeno, di vita pura, una trasfusione di sangue verace. Il tour in città dei giocatori del Portici non poteva non contemplare una tappa così importante, Largo Croce è sinonimo di storia, religione, tradizione, identità. Da lì partì il desiderio di rialzarsi dei porticesi dopo essere stati ricoperti dall’infida e funesta cenere lavica, sempre lì, ogni giorno, tantissime persone lavorano per portare il pane a casa, per sfamare la propria famiglia, l’area mercatale convoglia, sempre ogni giorno e nello stesso posto, gente dei più disparati ranghi sociali. Mentre ci si divincola tra la folla del mercato, ci si sente anche più porticesi, perché è impossibile immaginare Portici senza il suo centro storico le cui arterie conducono in diversi punti della città, dal viale Leonardo da Vinci al Piazzale Brunelleschi, da via Diaz a p.zza San Ciro. Ora non resta che acquistare il calendario, al costo di soli 5 euro, un prezzo simbolico, e lo si può trovare nei seguenti punti vendita: (edicola al centro di p.zza San Ciro edicola “Flora” di viale Leonardo da Vinciedicola di p.zza Poli – edicola al Cormons, dirimpetto all’area mercatale – edicola di via IV Novembre, vicino alla stazione della Circumvesuviana di Bellavista – Bar tabacchi “Il Miglio d’Oro di via UniversitàMacelleria Russo di via Malta, 25). Il Portici alla scoperta di Portici, vi facciamo vivere il nostro tour attraverso gli scatti di Stefano Renna…

Ufficio Stampa A.S.D. Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *