Quando si dice una “seduta” di allenamento…

No, non è un nuovo acquisto. Vedendo il senatore, Enzo Cuomo, allenarsi con il Portici 1906 al “San Ciro”, qualcuno già immaginava il momento della trattativa a Palazzo Madama tra il diesse azzurro, Orlando Stiletti e Pietro Grasso, presidente del Senato. Bando all’ironia, alla ripresa degli allenamenti dopo il riposo natalizio, c’è stata una gradita visita per il club porticese, il senatore Enzo Cuomo si è allenato con la squadra, scherzando con i giocatori prima che mister Borrelli li richiamasse all’ordine per l’inizio del lavoro. Quando si tratta di sgobbare, il tecnico è inflessibile, scendesse anche Matteo Renzi dallo scranno di Palazzo Chigi. L’ex sindaco di Portici è un inveterato appassionato di calcio nonché un grande sportivo, infatti fa parte della Nazionale dei Parlamentari, chissà che non abbia chiesto qualche suggerimento ai giocatori azzurri per stupire i suoi colleghi una volta smessi giacca e cravatta per infilarsi gli scarpini. Era presente anche alla presentazione del 23 luglio al Bayard, dove intervenne con il suo in bocca al lupo a tutta la squadra per la nuova stagione. I risultati, finora, sono stati più che lusinghieri, al punto tale che fare meglio significherebbe perfezione totale e questa squadra può fare meglio. L’importante è che giochi nella massima serenità, come è successo sinora, sentendo, però, il sostegno di tutti, anche chi da Portici è approdato nella capitale, a Palazzo Madama, in quell’aula in cui si decidono le sorti degli italiani. Tanti giocatori e un senatore, potrebbe essere il titolo di un film, ma è la cronaca di un allenamento, anzi, del primo allenamento post-natalizio. Il Portici è ritornato al lavoro, il tempo del riposo è già terminato e il gruppo è determinato sia per le semifinali di coppa che per essere protagonista nella propria circoscrizione, ops, nel proprio girone. E poi c’è un entusiasmo in città per cui non esiste alcuna sogna di sbarramento…

Ufficio Stampa A.S.D. Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *