Il Portici cade a Casalnuovo

CASALNUOVO-PORTICI 1906: 2-1

CASALNUOVO (4-3-3): Sollo; Capogrosso, Cerbone, Giannino, Donniacono; Romano, Amoroso, Napolitano (dal 68′ Russo); Sorrentino (dall’81’ Raspaolo), Matrullo, Scippa (dal 92′ Gallinaro). A disp. Damiano, D’Alise, Frallicciardi, Tufo. All. Castaldo.

PORTICI 1906 (4-3-3): Amato; Visone, Sardo, Fiorillo, Novelli; Ragosta (dal 45′ Di Ruocco), Olivieri, Basso; Scielzo, Magaddino (dal 66′ Rima), Ioio. A disp. Menna, Valente, Santarpia, Ineguale, Murolo. All. Borrelli

ARBITRO: Nana Tchato di Aprilia. Primo Assistente: Gallo di Avellino. Secondo Assistente: Ciccopiedi di Avellino.

RETI: 28′ Napolitano (C), 38′ Sardo su rigore (P), 61′ Napolitano su rigore (C)

NOTE. Ammoniti: Napolitano, Capogrosso, Giannino (C); Ragosta, Basso (P). Espulso: al 90′ Basso per doppia ammonizione su una presunta simulazione. Recupero: 1′ pt, 4′ st.

Quello del Casalnuovo è un campo trappola, uno dei più difficili e il Portici se n’è tornato a casa senza punti. Si è stati puniti da due calci piazzati, con Napolitano protagonista dei suoi e giustiziere degli azzurri sia sulla punizione del primo tempo che dal dischetto nella ripresa, nel mezzo il momentaneo pareggio di Sardo sempre dagli undici metri. Dispiace soprattutto perché bisognava approfittare del passo falso della Boys Caivanese in casa dell’Hermes Casagiove, travolta proprio una settimana fa dal Portici. Gli uomini di mister Borrelli non sono riusciti a ripetere la prestazione fornita sette giorni prima, dove il gol era stato cercato con insistenza e, una volta arrivato, ne sono stati firmati altri due. Il Portici sceso in campo allo “Iorio” è stato quello del mese di gennaio e ci sono troppi giocatori non ancora in condizione. Andiamo a rivivere le azioni salienti della contesa.

Il Portici parte molto bene e, dopo sei minuti, ha una ghiotta possibilità di passare in vantaggio: dopo un’azione sulla destra, la palla arriva in area a Ioio che in diagonale prova a battere Sollo sulla cui respinta si avventa Ragosta che prova a ribadire in rete ma si supera ancora l’estremo difensore granata. È un inizio confortante quello degli azzurri ma il Casalnuovo non resta a guardare e si rende insidioso al 10′ con una grande azione di Napolitano dalla destra, la difesa porticese allontana la minaccia rifugiandosi in calcio d’angolo. È una gara molto viva, entrambe le squadre si affrontano senza timori di sorta e si ha la sensazione che da un momento all’altro l’equilibrio possa rompersi. Al 22′, è Basso che mette i brividi al pacchetto arretrato locale con un tiro da fuori area deviato ma che Sollo spedisce in calcio d’angolo. Al 28′, però, è il Casalnuovo a passare in vantaggio su un calcio di punizione dal limite. Si incarica della battuta Napolitano che disegna una parabola quasi perfetta che lambisce il palo e varca la linea di porta. Passano giusto dieci minuti e gli azzurri conquistano un calcio di rigore per un fallo di mano in area di Capogrosso. È sempre Sardo ad incaricarsi della battuta e, ancora una volta, è algido dal dischetto. 1-1 e ripristinata la parità. Non si registrano più grosse occasioni prima del duplice fischio ma solo la sostituzione di Ragosta, già ammonito, per lasciare spazio a Di Ruocco.

Nella ripresa, proprio l’ex Gragnano prova a suonare la carica sovrapponendosi spesso sulla destra dove agisce Magaddino e, l’ex Forio, al 47′ cerca di sfruttare un disimpegno errato della difesa locale con Sollo che allontana di testa, la palla arriva sui piedi dell’esterno azzurro che, a porta sguarnita, tenta l’eurogol ma la sua mira è imprecisa. Al 53′ grande azione di Di Ruocco che semina il panico sulla destra, la mette forte al centro dove basterebbe un lieve tocco per bucare la rete, sembra un Portici propositivo ma, al 61′, l’arbitro assegna un rigore alla squadra di mister Castaldo per trattenuta in area su Scippa. Dagli undici metri, si presenta Napolitano che non lascia scampo ad Amato riportando i suoi nuovamente avanti. Passano pochi minuti e il Portici si rende pericoloso con Magaddino che sfonda sulla destra e la mette al centro ma Sollo è lesto ad anticipare tutti e poi, sul capovolgimento di fronte, Sorrentino ha una prateria davanti a sé e si invola verso la porta con Amato che è bravo a chiudergli lo specchio. Nel Portici subentra un po’ di stanchezza e verso la fine colleziona calci d’angolo tenendo in apprensione la retroguardia granata, l’occasione più ghiotta si registra all’88’ con un tiro in area di Ioio che chiama Sollo al miracolo.

Gli azzurri escono senza punti da Casalnuovo, non è stata una prestazione trascendentale, probabilmente il pari sarebbe stato il risultato più giusto ma ora non serve piangersi addosso, meglio pensare subito alla prossima perché c’è l’obiettivo play off da conquistare e una tifoseria di categoria superiore da onorare.

Ufficio Stampa A.S.D. Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *