Sibilla: scopriamo i nostri avversari

Il Portici, al di là del beffardo pari contro la Sessana, sembra nettamente in crescita, si sono registrati confortanti segnali di ripresa che, però, bisogna confermare nella gara contro la Sibilla. Una squadra, quella flegrea, che sta lottando per restare a debita distanza dalla zona play out ma è una partita da non sottovalutare perché si affronta una avversaria che, specialmente sul proprio campo, sa come tendere le trappole. Anche nel caso dei biancoazzurri c’è stato un costante nomadismo, tant’è che adesso giocano le gara casalinghe al “Barassi” di Secondigliano, pure in questo caso si può parlare di esilio forzato. Sarà una gara difficile per gli uomini di mister Borrelli che in questa stagione hanno già affrontato tre volte la Sibilla. In campionato, al “Liguori” di Torre del Greco, si sfoderò una delle prestazioni più belle vincendo con una manita, mentre agli ottavi di coppa Italia, dopo l’1-1 dell’andata giocata a Brusciano, il ritorno a Monte di Procida vide i vesuviani vincenti grazie al guizzo di Olivieri. Il Portici ha la necessità di conquistare i tre punti anche per riprendersi il terzo posto, e la vittoria permetterebbe alla squadra di superare la Sessana, annichilita in casa dalla Boys Caivanese. Ma, come già anticipato, sarà una battaglia, bisognerà giocare con l’intensità dei primi mesi, quella vista per buona parte della gara proprio contro la Sessana nell’ultimo turno di campionato, ora non si può sbagliare. Mancherà lo squalificato Ioio, ex di turno che ha fatto benissimo con la maglia della Sibilla, e anche Avolio, infortunato, non sarà quindi della gara lui che, prima di dicembre, indossava la maglia della compagine flegrea. Mister Somma, solitamente, schiera i suoi con un 3-5-2, configurazione tattica che porta i suoi frutti soprattutto tra le mura amiche dove la squadra non mostra alcun timore reverenziale. La Sibilla, infatti, attraversa un periodo positivo avendo conquistato sette punti nelle ultime tre gare di campionato, ed è reduce dal successo ottenuto in trasferta contro l’Arzanese, battuta di misura da una rete di Milone, centrocampista dal vizio del gol. Nelle ultime tre partite casalinghe, sono state piegate Real Forio, Casalnuovo e Savoia, ultima vittima dell’autorevolezza interna dei biancoazzurri. Detto di Milone, centrocampista a cui prestare grande attenzione, chi in casa si esalta particolarmente è l’attaccante Colella, che ha firmato le importanti vittorie di misura ottenute contro Savoia e Real Forio. Il suo compagno di reparto è Solano, uno che ha fatto le fortune della Virtus Volla e che conosce bene la categoria, sicuramente è un tandem di tutto rispetto. Nella linea mediana, oltre a Milone, centrocampista pericoloso anche in zona gol, c’è Lepre che può rappresentare uno spauracchio con le sue scorribande sulla fascia, poi Guerra che è un terzino adattabile anche in un centrocampo a cinque come fluidificante. Il perno della difesa è Punziano, un ’92 che può vantare esperienze anche in serie D, a difesa dei pali c’è Iaccarino, ex conoscenza del Portici, mentre tra gli under ci sono Scherillo e Sequino, che avevano iniziato la stagione proprio alle dipendenze di mister Borrelli. Non sarà facile, perché la Sibilla è una squadra scorbutica, ma domani non c’è altro risultato che la vittoria. Bisogna ritornare ai tre punti per riprendersi la terza piazza e per sognare un finale di campionato da protagonisti.

Ufficio Stampa A.S.D. Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *