Lo dicono i numeri: il Portici è da play off

Bisogna ammetterlo, dopo la sconfitta, beffarda e immeritata, subita contro la Boys Caivanese, la corsa ai play off sembrava quasi compromessa. Anche perché, al rientro dalle vacanze pasquali, il Portici era atteso dal derby vesuviano in casa dell’Herculaneum e si era messo in conto che, anche con una grande prestazione, potessero non arrivare punti. Invece, ad Ercolano, sono arrivati tre punti e tre gol, più un grande entusiasmo in città e tanta autostima per i giocatori. Proprio il derby del “Solaro” ha conferito alla squadra lo slancio giusto per mettere sotto anche il Mondragone, spegnendone da subito qualsiasi velleità di fare risultato. Anche i domiziani sono stati piegati con un tris. I dati che saltano all’occhio sono diversi: il Portici ha ritrovato la prolificità realizzativa, dopo un periodo di siccità, e anche la solidità difensiva visto che queste due partite sono state chiuse con la porta inviolata, inoltre, negli ultimi cinque impegni, è stato incassato un solo gol, quello contro la Boys Caivanese, tra l’altro a tempo quasi scaduto e per un errore individuale e non di squadra. E poi sia i tre gol di Ercolano che quelli rifilati al Mondragone, portano tutte firme diverse, segno che nel Portici non c’è una primadonna o una star che fa riflettere la propria luce sugli altri, no, brillano tutti di luce propria. Anche Fava, che ha un passato importante in massima serie, è venuto a Portici con una umiltà che quasi imbarazza più di un atteggiamento divistico. In realtà, le forme di snobismo non fanno altro che irritare, mentre è proprio vero quando si dice che l’umiltà spiazzi le persone, le disarma, soprattutto quando la si riscontra in gente che magari uno immagina vivere in un mondo appannaggio di pochi eletti. Proprio Fava è stato uno di quelli che ha messo la sua firma nella storica vittoria ad Ercolano, non poteva scegliere gara migliore per sbloccarsi. Ma se l’ex Udinese ha sbloccato la sua vena realizzativa, a sbloccare il match era stato Di Ruocco, che di settimana in settimana conferma quanto sia stato utile e opportuno il suo arrivo, davvero un botto di mercato. La rete del tris, poi, era stata opera di Murolo, definito “l’eroe delle due imprese”, visto che la sua furia si era abbattuta anche su Torre Annunziata, in quell’altro successo storico. Contro il Mondragone, ancora altri tre hanno timbrato il cartellino: il primo a farlo è stato Scielzo che, oltre al gol, è ritornato quella spina nel fianco per gli avversari con la sua esplosività. Il raddoppio è arrivato da Ioio, al suo quattordicesimo centro stagionale, che aveva prima vestito i panni dell’assist-man per per indossare altri che gli si confanno ancora meglio: quelli del bomber. Il terzo sigillo è stato di Olivieri, il nostro von Karajan, che quest’anno ha dato un ottimo contributo in zona gol. In due partite, il Portici è andato in rete sei volte con quattro attaccanti e due centrocampisti, un dato molto importante che certifica come sia il collettivo la forza di questa squadra. Un’altra statistica molto indicativa riguarda le tre squadre che si stanno giocando i play off: Portici, San Giorgio e Sessana. Guardando i numeri, gli azzurri, con 48 gol, hanno segnato più dei granata (45) e più degli aurunci (47), sebbene questi ultimi possano contare su Grezio, che contende lo scettro di capocannoniere del girone ad El Ouazni dell’Herculaneum. Anche per quanto riguarda i gol subiti, il Portici è in vantaggio su entrambe, 28 quelli subiti dagli azzurri contro i 34 del San Giorgio e i 42 della Sessana. Anche la Boys Caivanese, perforata 31 volte, guarda le spalle al Portici nella classifica dei gol subiti. Questo non significa che il Portici abbia conquistato i play off con una giornata di anticipo e che se li aggiudicherà a priori, ma i numeri non si possono smentire e questi appena riportati testimoniano come gli azzurri meritino di disputare l’appendice del campionato.

Ufficio Stampa A.S.D. Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *