Che entusiasmo all’inaugurazione della nuova scuola calcio

Da quel balcone che affaccia su p.zza San Ciro. Stavolta non stiamo parlando della storica sede del Portici, ubicata al primo piano di Palazzo Capuano, ma ci spostiamo di un passo e senza neanche accorgercene ci troviamo di fianco. Si viene separati da una parete ma non dal cuore porticese. La società si è allargata, alla sinistra della sede, ora sorge la casa della nuova scuola calcio, dove vagisce una creatura appena partorita dalla fusione del Portici 1906 con l’Academy Soccer Portici. Ci si unisce per sentirsi più forti e ora la principale squadra della nostra città, che si sta preparando per una stagione ancora più esaltante di quella passata, avrà anche una scuola calcio all’avanguardia, dotata di una propria sede con ampie sale e tanto spazio, perché è dalle basi che poi si diventa grandi. I responsabili saranno Massimo Carcarino, esperto di calcio a 360°, e Orlando Stiletti, diesse del Portici 1906, più che fusione quella appena nata è una vera unione, una intesa per permettere ai ragazzini di crescere nel migliore dei modi, di coltivare il loro sogno nella maniera più serena e di maturare l’amore verso la squadra della loro città.

La vita insegna che quando si vuole arrivare in alto bisogna partire dal basso, un edificio non si regge sulla facciata ma sulle fondamenta, ecco perché il Portici 1906 ha deciso di investire sul settore giovanile, a partire dai più piccoli, perché per raccogliere bisogna prima seminare e, se si semina bene, i frutti diventano copiosi, appetibili e rigogliosi. Nella giornata di sabato 10 giugno, al calar della sera, è stata inaugurata ufficialmente questa alleanza, ormai è anche inutile definirla tale perché si è entrati a far parte dello stesso corpo, si è una cosa sola, proprio come due innamorati che suggellano il loro amore e giurano eterna fedeltà in nome di un sentimento supremo. In questo caso, il sentimento supremo è l’amore per la città di Portici, tutti i ragazzini hanno il diritto di sognare e diventa naturale avendo la possibilità di stare a contatto con la prima squadra per vivere una dimensione avvolgente e affascinante. C’erano quasi tutte le figure societarie del Portici 1906 a questo battesimo, segno che è a partire dai vertici che c’è una sensibilità per la scuola calcio. E, soprattutto quando si ha a che fare con i ragazzini, ci vuole serietà, programmazione, dosi infinite di amore, perché più che una professione è una vocazione.

L’inaugurazione è stata nobilitata dalla presenza di una delle migliori penne del giornalismo napoletano e non, Rino Cesarano, più che accolto, ha colto l’invito (sia consentito il gioco di parole) e, con l’umiltà che lo contraddistingue, ha assistito ai primi passi di questa nuova creatura che promette grandi cose. Cesarano ha trascorso una vita intera a firmare articoli che ogni giorno potevano essere letti sfogliando le pagine de Il Corriere dello Sport, respirando l’odore dell’inchiostro mentre si era immersi nella lettura. La sua sensibilità l’ha spinto a conoscere questa nuova realtà, essendo un amante della città di Portici e un maestro di vita a cui sta a cuore la crescita sia atletica che umana dei più giovani. Si è respirata un’aria bellissima, con la presenza di tantissimi ragazzi, tanti genitori, tante famiglie ma in quel momento ci si sentiva parte di una unica famiglia. Lo sport è aggregazione e quanto è bello riunirsi in un luogo, scambiare due chiacchiere, sorseggiare un drink e sorridere, nel cuore pulsante della nostra città, da queste cose si programma un futuro luminoso e dalla fusione del Portici 1906 con l’Academy Soccer Portici sta nascendo una fuoriserie del calcio giovanile…

Ufficio Stampa Portici 1906 – Maurizio Longhi

Written by 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *